L'immagine personale del Wedding Planner


" L'eleganza non è farsi notare,
        ma farsi ricordare" 

                            Giorgio Armani



Fornire la migliore prima impressione è fondamentale per qualunque professionista,
ed occorre costruirla in modo sapiente e personale.
Come la tua agenzia si differenzia dalla altre attraverso logo, mission, posizionamento, così tu  rappresenti l'anima  e lo specchio esterno della tua attività oltre che di te stesso.
Non possono convivere due aspetti in un  professionista, egli  si mostra al suo pubblico e a chi lo circonda esattamente  per quello che è.
"Posso fidarmi di qualcuno che evidentemente non indossa i suoi panni?"
Questo è ciò che si chiede il  tuo potenziale cliente quando si accorge che la tua immagine non corrisponde a ciò' che dici e fai .

Ecco un elenco sintetico degli elementi personali e visivi da ricordare  creando la tua immagine professionale:

  • Espressione del volto e abbigliamento.
        
          " L'espressione del volto di una donna è molto piu' importante degli
abiti che indossa"
 D. Carnegie

 

Serenità, aromonia, sicurezza ( non presunzione!), disponibilità, interesse: questo  è ciò
che lo sguardo e l'atteggiamento del corpo devono comunicare.

L'abbigliamento deve seguire alcune regole di base, di buisiness etiquette,formale o informale ma come espresso già prima deve trasmettere  personalità.




  1. Avere un aspetto curato e preciso: capelli e  mani perfettamente in ordine,  trucco e profumo leggeri e gradevoli,  calze in ordine e scarpe ben curate; 
2. Per le donne : tailleur gonna ( altezza ginocchio) o pantalone; tubino nero; abito da cocktail solo per appuntamenti dopo le 18:00 e presso location ( non in ufficio ); scollature moderate, meglio camicetta bianca in seta o cotone leggero.  I colori possono variare dal piu' classico blù, grigio e nero fino ai colori moda purchè accostati con gusto e moderazione.  
3. Per gli uomini: completo giacca, pantalone e cravatta per appuntamento formale ( primo incontro, sopralluogo in location, wdc) nei colori classici blù, grigio perla o antracite.
Jeans firmati, o pantaloni casual, camicia e maglia per un incontro non formale come la visita   a un collaboratore o durante i successivi incontri in studio con i clienti.

  • Verbalità,  affidabilità ed efficenza
Trasmettere messaggi chiari, comprensibili , con convinzione ma pacatezza ( non si impone nulla, si suggerisce e consiglia);
Far seguire alle parole e alle soluzioni esposte i fatti con coerenza, efficenza ed affidabilità.
Un appuntamento, ad esempio, è un impegno reciproco, lo si fissa con canali ufficiali, una telefonata o mail e lo si rispetta ad ogni costo. 
E' buona regolare arrivare  puntuali e preparati all'appuntamento.


  • Gestualità e linguaggio del corpo.




Corsi di Life Style, linguaggio del corpo e personal branding possono essere molto utili per apprendere le tecniche di  promozione della propria immagine,comportamento e scelta del look personale.
Imparare a leggere e comprendere il linguaggio del corpo è lo strumento più importante per conoscere meglio noi stessi e chi ci circonda.
 Per un wp è molto importante, perchè prendendo coscienza del proprio modo di comunicare, e assumendo in modo spontaneo atteggiamenti e movimenti corretti  si trasmettono trasparenza, coerenza e sicurezza professionale.

In una conversazione:
  • la comunicazione verbale contribuisce  per il 7% circa;
  • la voce incide per  il 38% circa;
  • il 55% è affidato all’uso del corpo: espressioni facciali, atteggiamenti e movimenti.





 Viene etichettato come un tic, ad esempio, toccarsi i capelli, gesto inconscio che serve per acquisire tranquillità, sicurezza ed equilibrio nei momenti di tensione o a volte vuole essere una via di fuga dai cattivi pensieri.
Toccarsi sotto le narici con il dorso della mano vuol dire rifiuto, mentre toccare la parte esterna del naso significa tensione emotiva e coinvolgimento. E poi, ancora sempre sul viso, mordersi le labbra ha una doppia valenza: in modo lieve significa gradimento, godimento, con forza imbarazzo o stress. Facile da notare, invece, è toccarsi la gola, giocherellare con catenine, sistemare continuamente la cravatta sono evidenti segni di agitazione.
Togliere e mettere gli occhiali significa desiderio di fuggire e non accettare la situazione in cui si è. Inclinare la testa vuol dire non essere interessati a quello che il nostro interlocutore sta dicendo.
Tenere le braccia conserte equivale a mettere una barriera nei confronti dell’esterno, mentre gesticolare vistosamente è segno di un carattere dinamico ed estroverso. Al contrario, le mani sempre in tasca sono tipiche di una persona che non vuole svelare completamente chi è.
Accavallare le gambe infine, tipico gesto femminile, aiuta a sentirsi più protetti e lucidi ed è proprio di chi prende decisioni con calma.

 Da dove iniziare? Da te stesso.
Prova e riprova gli outfit da solo a casa o con amici, meglio se esperti d' immagine, e scegli quelli che riflettono la tua personalità in modo sobrio e gradevole.
Studia delle risposte di presentazione, stringate ma esasutive da esporre con semplicità e l'immancabile sorriso spontaneo  e accogliente.


E quando ti risulta difficile sorridere : stampa questa immagine, attaccala al tuo pc e stacca un fogliettino.... :-) SMILE!


Mariagrazia Tarantino

wedding planner
grace@graceevent.net


Posta un commento