Il "segreto" del wedding planner

Pubblicato da Mariagrazia Tarantino

Oggi sveliamo il SEGRETO dei SEGRETI del Wedding Planner :
 quanto guadagna!
Qualche mia collega sta già ridendo, qualcun'altra si sta spaventando e le new entry si stanno già sfregando le mani...
...e anch'io!
 Ho scoperto, attraverso le molte mail di questo periodo (delle quali vi ringrazio una ad una, dal cuore) che in moltissimi corsi di formazione, accreditati o meno, completi di attestati di frequenza o meno, non si parla assolutamente di percentuale o fee da richiedere a clienti e collaboratori.
Ecco perchè nasce questo post.

 Come ho già scritto  precedentemente  un wedding planner puo' esercitare la professione come agenzia di intermediazione o come consulente.
Nel primo caso il/la wedding gestisce l'intero budget degli sposi e trattiene o richiede un importo provvigionale ai clienti e ai collaboratori.
Nel secondo, invece, gestisce solo il mandato di consulenza per l'evento, percepisce un importo, detto fee, che puo' essere a corpo o a % sull'intero ammontare del matrimonio.

Nel caso di consulenza questo puo' essere un esempio:
Budget totale Matrimonio €20.000,00
Fee Wedding Planner €2.000,00 oppure il 10% sull'intero budget richiesto ai clienti.
Richiesta compenso per conclusione contratto a collaboratore: % o importo a corpo.
La percentuale media riconosciuta varia dal 5% al 10% per i collaboratori e con una media standard del 10% verso i clienti.

Per gli importi a corpo le variabili sono moltissime, dipendono dalle criticità dell'evento, del tempo che richiederà l'organizzazione, e dal cumulo di responsabilità richieste.
C'è chi preferisce inserirli all'interno di pacchetti predefiniti e chi invece li evidenzia come voce
compenso a wp.
Alcune associazioni di categoria stabiliscono dei minimi e dei massimi all'interno dei quali gestirsi.
Per chi è all'inizio consiglio sempre di chiedere al corso di formazione come  calcolare il giusto compenso e poi procedere in base all'esperienza
L'inica cosa certa che sconsiglio a chi è all'inizio e il compenso calcolato a ore.



Per concludere consentitemi una precisione, tipica di io sono wedding planner.
Mi è capitato di leggere una mail indirizzata ad un mio collaboratore fidatissimo, per una proposta di collaborazione da una neo wp. Questa wedding  chiedeva solo il 5% anzichè il 10% perchè brava....
Mi sfugge il nesso fra il ritenersi brava professionalmente  e richiedere un compenso dimezzato.
Se sei brava e lavori chiedi  a maggior ragione il giusto. Se poi lo fai per farti conoscere, è un altro paio di maniche...
Se siamo le prime a non valorizzare il nostro lavoro e quello delle nostre colleghe creiamo danneggiamo l'intera categoria. Non si attirano clienti  denigrando gli altri, ma operando bene, con stile, professionalità e serietà.
Buon lavoro!!
Mariagrazia Tarantino
io sono wedding planner
online@graceevent.net


Richiedi l'agenda gratuita del mio matrimonio qui'
Posta un commento